PALMA DATTILIFERA

PALMA DATTILIFERA
PALMA DATTILIFERA
PALMA DATTILIFERA
PALMA DATTILIFERA

~La palma da dattero appartiene alla famiglia delle Arecacee o Palmacee, al genere Phoenix ed alla specie dactylifera. È un albero con un fusto, o stipite, molto slanciato, alto fino a 30 m e vistosamente coperto dai resti delle guaine delle foglie cadute. All’apice del tronco sono riunite al massimo 20-30 foglie, che sono pennate, lunghe 5-8 m, lineari, coriacee e di colore verde con sfumature gialle. Ogni anno si sviluppa una decina di foglie nuove, mentre alla base del ciuffo quelle più vecchie ingialliscono e seccano. È una pianta dioica con fiori unisessuali, bianchi, di piccole dimensioni, raccolti in infiorescenze all’ascella della foglia lunghe oltre 1 m; i fiori maschili sono molto più numerosi rispetto a quelli femminili. Le infiorescenze femminili, con lo sviluppo dei frutti, tendono ad incurvarsi verso il basso. I frutti, noti come datteri, sono bacche oblunghe, di colore arancione scuro a maturità, lunghe fino a 5 cm nelle varietà coltivate, con polpa zuccherina, gialla, con sfumature arancioni o rosse, contenenti un seme lungo, bruno e di consistenza legnosa. Il grappolo a maturazione può raggiungere un peso di 20-25 Kg

Impollinazione

palma da dattero La palma da dattero è una specie dioica, per cui ci sono alberi maschili e femminili, l’impollinazione è anemofila ed entomofila e richiede lo stesso numero di piante maschio e femmina, mentre ricorrendo all’impollinazione artificiale il rapporto è 1:50. La scelta delle piante da cui prelevare il polline è molto importante in quanto questa specie è caratterizzata dal fenomeno della metaxenia, col polline che ha un’influenza su forma, pezzatura ed epoca di maturazione dei frutti. A partire da alcune piante maschili si possono ottenere frutti di quantità e qualità elevata.